Cari figli, mio Figlio era sorgente di amore e di luce quando, sulla terra, parlava al popolo  di tutti ipopoli. Apostoli miei, seguite la sua luce. Farlo ...Leggi tutto...

Pellegrinaggi a Medjugorie

A.H. Antonioli Viaggi da ormai 20 anni organizza Pellegrinaggi a Medjugorje con autobus gran turismo o minibus.

Il programma base è di 6 giorni, cinque notti.

 

 

PELLEGRINAGGI A PARTIRE

DA 300.00 €

Tutto Compreso

entra e vedi i dettagli

e il prossimo viaggio

Pellegrinaggi Organizzati

Organizziamo principalmente pellegrinaggi a Medjugorje, ma anche pellegrinaggi in tutta Italia e in Europa, a Lourdes, Fatima, San Giovanni Rotondo, Assisi e Roma.

Se sei interessato lascia un tuo recapito, ti aggiorneremo sui pellegrinaggi in programmazione

 

CONTATTACI  

è semplice: basta compilare il modulo con i tuoi dati, ti richiamiamo senza impegno per informazioni!

Ultimo Messaggio

Messaggio del 2 gennaio 2017 (Mirjana)

Cari figli, mio Figlio era sorgente di amore e di luce quando, sulla terra, parlava al popolo

 di tutti ipopoli. Apostoli miei, seguite la sua luce. Farlo non è facile: dovete essere piccoli,

 dovete farvi piùpiccoli degli altri e, con l’aiuto della fede, riempirvi del suo amore.

 Senza fede, nessun uomo sulla terrapuò vivere un’esperienza miracolosa.

 Io sono con voi, mi manifesto a voi con queste venute, conqueste parole.

 Desidero testimoniarvi il mio amore e la mia cura materna. Figli miei,

non perdetetempo facendo domande a cui non ricevete mai risposta:

 al termine del vostro percorso terreno, ilPadre Celeste ve le darà.

Sappiate sempre che Dio sa tutto, Dio vede, Dio ama. Il mio amatissimo Figlio

 illumina le vite e dissipa le tenebre; ed il mio materno amore, che mi porta a voi,

 è indicibile,misterioso, ma reale. Io esprimo i miei sentimenti verso di voi: amore,

 comprensione e maternoaffetto. A voi, apostoli miei, chiedo le vostre rose di preghiera,

 che devono essere le opere dimisericordia: sono quelle le preghiere più care

 al mio Cuore materno. Le offro a mio Figlio, nato pervoi. Egli vi guarda e vi ascolta.

Noi vi siamo sempre vicini. Questo è un amore che chiama, unisce,converte,

incoraggia e ricolma. Perciò, apostoli miei, amatevi sempre gli uni gli altri,

ma soprattuttoamate mio Figlio. Quella è l’unica via verso la salvezza,

verso la vita eterna. Quella è la preghiera chemi è più cara, e che ricolma

 il mio Cuore del profumo di rose più soave. Pregate, pregate sempre

 per i vostri pastori, affinché abbiano la forza di essere la luce di mio Figlio.

 Vi ringrazio.

20160917_184520
DSCN0576
20150814_114307
Radio Maria

RSS Feed

Cari amici,
quest’anno ricorre il 30.mo anniversario dell’Associazione Radio Maria, fondata il 12 Gennaio 1987. Lo celebriamo nella forma più semplice possibile, ringraziando la Madonna per i miracoli di amore che ha compiuto, portando la preghiera, la fede e la pace nei cinque continenti e avvicinando una moltitudine immensa di persone al suo Cuore Materno e a quello di suo Figlio Gesù. Sono 78 le Radio Maria presenti nel mondo, ma non possiamo fermarci. Chi infatti potrebbe mettere limiti ai progetti del Cielo?

Vostro Padre Livio

*EUROPA 27 radio
*AFRICA 21 radio 
(ultima apertura Liberia - Dicembre 2016)
*AMERICA 24 radio 
(ultima apertura Miami - Novembre 2016)
*ASIA 5 radio 
(ultima apertura Radio Mariam – Dicembre 2015)
*OCEANIA 1 radio
*GEMELLAGGI 1 radio

Prossime aperture previste per il 2017:
Bielorussia, Honduras, Haiti, Iraq e Lesotho


ascolta qui tutte le Radio Maria nel mondo




Nell'anno 2016 
Radio Maria ha trasmesso in diretta 804  COLLEGAMENTI DI PREGHIERA, con S. Messa, Rosario, Liturgia delle Lodi e dei Vespri, due o tre volte al giorno, coprendo tutta l’Italia. Un grazie di cuore ai volontari dei 70  studi mobili disseminati nelle varie regioni. In questo modo abbiamo portato la preghiera della Chiesa nelle case, negli ambienti di lavoro, nelle auto, negli ospedali, nelle carceri e ovunque vi è una persona desiderosa di ascoltare una voce amica. Un grazie particolare anche i numerosi Sacerdoti che hanno condotto le celebrazioni in un modo esemplare e ai fedeli che vi hanno partecipato numerosi.

ECCO I COLLEGAMENTO REALIZZATI: 
14 da ospedali, 39 da istituti religiosi, 6 da scuole e asili, 24 da casa di riposo, 3 da convegni – meeting, 18 da comunità di accoglienza e di recupero, 8 da carceri: case di reclusione e case circondariali, 7 da seminari, 9 da caserme militari e questure, 20 da conventi, 40 da monasteri, 3 da associazioni, 607 da parrocchie – santuari – basiliche, 6 da zone terremotate e colpite da calamità naturali. 




Nello specifico:  

Cappella della Memoria Vittime del terremoto - SISMA 2009 L'Aquila
Parrocchia S. Lucia - SISMA 2012 Casalecchio di Reno - Bologna
Parrocchia Santo Stefano - SISMA 2016 Roccafluvione - Ascoli Piceno
Tensostruttura polifunz. centro oper.  Amatrice – SISMA 2016 Amatrice-Rieti
Parrocchia San Michele Arcangelo - SISMA 2016 San Ginesio - Macerata
Parrocchia S. Giovanni Battista - SISMA 2016 Rapagnano – Fermo

Negli ultimi mesi si è aggiunta la Preghiera del Rosario animata da gruppi giovanili di parrocchie e comunità,  ogni venerdì sera, in occasione della Catechesi giovanile di P. Livio in diretta.

Particolarmente commovente  la diretta della prima Celebrazione Eucaristica dalla Cattedrale di Aleppo, Siria, dopo quasi 5 anni di guerra e trasmessa da Radio Mariam, (Radio Maria in lingua araba), che così tanta preghiera e vicinanza ha suscitato nei nostri ascoltatori. Tutto questo non solo continuerà nel 2017 ma  si arricchirà e perfezionerà,  grazie ai volontari dei nostro studi mobili e grazie a voi che sostenete Radio Maria, una voce cristiana nella tua casa.   

  

Vostro Padre Livio



VENERDI' 20 GENNAIO 2017 - ORE 20.25 
S. Rosario animato dai giovani nella Parrocchia San Matteo Apostolo 
Via Roi 15 - MONTICELLO CONTE OTTO (Vicenza) 
*siete tutti invitati a partecipare*

Alle ore 21.25 P. Livio in diretta dalla regia di Erba con la Catechesi Giovanile

   


     



             

Tutti disponibili sul nostro sito internet www.radiomaria.it
Richiedili via email a info.ita@radiomaria.org - telefona 031610600
Oppure vieni direttamente in sede: RADIO MARIA Via Milano 12 - ERBA (Como)

 

  alla prossima newsletter!

Leggi l'articolo...

AFFIDIAMO ALLA MADONNA IL NUOVO ANNO   

Cari amici,
Affidiamo alla Madonna il nuovo anno appena incominciato, perché ci protegga e lo renda fruttuoso con la sua benedizione. Camminiamo, come il popolo di Israele, verso la terra promessa, fra asperità di ogni genere, ma sempre sorretti dalla speranza che non tradisce. Gesù cammina con noi e la Madonna, specialmente in questo centenario di Fatima, ci prende per mano per guidarci verso un futuro di pace. 
Grazie di cuore per i sacrifici che fate per sostenere e diffondere Radio Maria che, come un fiume benefico, continua a diffondersi nel mondo, raggiungendo sempre nuovi ascoltatori, specialmente nei luoghi più poveri e disagiati. La Madonna è più forte di ogni difficoltà e compie miracoli quando trova i cuori che rispondono generosamente alla sua chiamata.
Sono 77 le Radio Maria presenti nei cinque continenti, circa 35 milioni gli ascoltatori, decine di migliaia i volontari, più trenta le lingue nelle quali viene diffuso il messaggio del vangelo. Questo è stato fatto dalla Madonna e molto più farà ancora, con l’aiuto che la grande famiglia di Radio Maria non le farà mancare.

Vostro P. Livio

Risultati immagini per vergine maria   Immagine correlata   Immagine correlata

Messaggio della Regina della pace a Mirjana - 2 gennaio 2017

"Cari figli, 
mio Figlio era sorgente di amore e di luce quando, sulla terra, parlava al popolo di tutti i popoli. Apostoli miei, seguite la sua luce. Farlo non è facile: dovete essere piccoli, dovete farvi più piccoli degli altri e, con l’aiuto della fede, riempirvi del suo amore. Senza fede, nessun uomo sulla terra può vivere un’esperienza miracolosa. Io sono con voi, mi manifesto a voi con queste venute, con queste parole. Desidero testimoniarvi il mio amore e la mia cura materna. Figli miei, non perdete tempo facendo domande a cui non ricevete mai risposta: al termine del vostro percorso terreno, il Padre Celeste ve le darà. Sappiate sempre che Dio sa tutto, Dio vede, Dio ama. Il mio amatissimo Figlio illumina le vite e dissipa le tenebre; ed il mio materno amore, che mi porta a voi, è indicibile, misterioso, ma reale. Io esprimo i miei sentimenti verso di voi: amore, comprensione e materno affetto. A voi, apostoli miei, chiedo le vostre rose di preghiera, che devono essere le opere di misericordia: sono quelle le preghiere più care al mio Cuore materno. Le offro a mio Figlio, nato per voi. Egli vi guarda e vi ascolta. Noi vi siamo sempre vicini. Questo è un amore che chiama, unisce, converte, incoraggia e ricolma. Perciò, apostoli miei, amatevi sempre gli uni gli altri, ma soprattutto amate mio Figlio. Quella è l’unica via verso la salvezza, verso la vita eterna. Quella è la preghiera che mi è più cara, e che ricolma il mio Cuore del profumo di rose più soave. Pregate, pregate sempre per i vostri pastori, affinché abbiano la forza di essere la luce di mio Figlio. Vi ringrazio!"

L'immagine può contenere: cielo


Testo del Commento al Messaggio - di P. Livio

Come vedete, i messaggi dati attraverso la veggente Mirjana si differenziano da quelli rivolti alla veggente Marija non solo per quanto riguarda la lunghezza. 
I messaggi dati a Marija sono soprattutto per coloro che hanno accolto la chiamata. Sono rivolti alla parrocchia e a tutti quelli che le sono uniti spiritualmente.
Terminano infatti così: “Grazie perché avete risposto alla mia chiamata”.
I messaggi alla veggente Mirjana terminano dicendo: “vi ringrazio”, perché rivolti ai credenti che sono anche lì presenti ed a tutti quelli che Maria chiama suoi figli, ma che non conoscono ancora l'amore di Dio. Ecco che quindi si dilunga di più, includendo anche loro.
Nel messaggio del 2 gennaio, per avere una chiave di lettura, vale la pena riprendere un'affermazione di Mirjana data, a suo tempo, in risposta a questa domanda: “secondo te qual è il messaggio principale della Madonna?”
Benché la Madonna abbia detto più di una volta - attraverso Marija - che il suo principale messaggio a Medjugorje è la conversione, Mirjana ha risposto: “per me il messaggio principale della Madonna è l'Amore!”
Effettivamente nei messaggi a Mirjana è soprattutto esplicitato, in modo incredibile, il tema dell'amore. 

La Madonna, in questo messaggio, non fa altro che parlare dell'amore di suo Figlio e del suo amore.
Ma chiama anche noi ad amare, dicendo appunto che l'amore per suo Figlio, e fra noi, è la preghiera che Le è più cara e che ricolma il suo Cuore del profumo di rose più soave. Questo messaggio è una sinfonia d'amore, l’amore materno di Maria, l'amore di suo Figlio, ma anche il nostro amore che viene ad esplicitarsi verso suo Figlio attraverso di Lei e poi attraverso le opere di misericordia verso i fratelli, fino ai pastori, pregando perché abbiano la forza di essere la luce di suo Figlio Gesù.
Quindi ecco la chiave, l'interpretazione di questo messaggio bellissimo. La Madonna esplicita quello che ha nel cuore quando dice: “sappiate sempre che Dio sa tutto, Dio vede, Dio ama”, “il mio amatissimo Figlio illumina le vite” e “il mio amore materno mi porta a voi ed è un amore indicibile, misterioso, ma reale. Io esprimo i miei sentimenti verso di voi: amore, comprensione e materno affetto”. Poi parlando del suo amore e di quello di Gesù dice: ”Egli vi guarda e vi ascolta. Noi vi siamo sempre vicini. Questo è un amore che chiama, unisce, converte, incoraggia e ricolma”, la Madonna cerca di trovare le parole per esprimere l'amore che chiama, unisce, converte, incoraggia, ricolma. “Perciò” dice, “voi apostoli miei, amatevi sempre gli uni gli altri, ma soprattutto amate mio Figlio”.
Io vorrei darvi un consiglio: mettete i messaggi del 2 e del 25 del mese in un luogo visibile e leggeteli tutti i giorni.. Rappresentano una catechesi straordinaria, un commento materno del Vangelo, un dono unico che la Madonna ha fatto alla nostra generazione.

Vediamolo frase per frase:
“Cari figli, mio Figlio era sorgente di amore e di luce quando, sulla terra, parlava al popolo di tutti i popoli”. 
Attenzione a questa frase, chi è il popolo di tutti i popoli? È il popolo di Israele perché è il popolo che viene da Abramo dal quale tutti i popoli della terra sono stati benedetti. Da Israele è nato Cristo. E la Madonna è nata dal popolo ebraico, è una figlia di Israele. Questa espressione, “popolo di tutti i popoli”, riecheggia anche il titolo che la Madonna ha dato a se stessa, apparendo ad Amsterdam, dove si è qualificata come “la Signora di tutti i popoli”.
Il messaggio prosegue: “Apostoli miei, seguite la sua luce”, e la Madonna ammette che seguire Gesù non è facile, è necessaria l'umiltà. “Farlo non è facile: dovete essere piccoli, dovete farvi più piccoli degli altri e, con l’aiuto della fede, riempirvi del suo amore”. Per seguire la luce di Gesù, bisogna essere piccoli, mediante l'umiltà si ha la fede, mediante la fede ci si nutre del Suo amore.
“Senza fede, nessun uomo sulla terra può vivere un’esperienza miracolosa”, è l'esperienza della grazia, l'esperienza soprannaturale.
Senza la fede uno non può rinascere dall'acqua e dallo Spirito Santo, non può andare al di là delle cose visibili e terrene, non può entrare nel mondo del soprannaturale, che è il mondo di Dio e della sua vita intima. Però si ha questa fede, essendo piccoli.
E qui la Madonna incomincia a dire quello che le sta a cuore: “Io sono con voi, mi manifesto a voi con queste venute, con queste parole. Desidero testimoniarvi il mio amore e la mia cura materna”, è innamorata di noi e non sa più in quale modo dirlo, come l’espressione di Santa Caterina da Siena su Gesù: “È pazzo d'amore”.
Anche San Paolo parlava della follia di Dio: “non ha voluto tenere per sé la sua divinità, ma si è fatto uomo arrivando fino alla croce!”
La Madonna cerca sempre parole nuove per dirci quanto ci ama.
Allora chiediamo umilmente alla Madonna la grazia della luce della fede, per capire quanto ci ama. Da soli non possiamo capirlo, ci aiuti Lei, con il tocco della sua Grazia. Il suo amore è quello di una madre. Nulla è più bello e più grande dell'amore di una madre.
E quindi la Madonna dice: “Figli miei, non perdete tempo facendo domande a cui non ricevete mai risposta”, non potete capire tutto su questa terra. Non state lì a questionare con i dubbi della fede, con le cose che non capite: perché il dolore? Perché la malattia? Noi facciamo queste domande, perché siamo nell'oscurità; “al termine del vostro percorso terreno, avrete le risposte che cercate, il Padre Celeste ve le darà”.
Quando vedremo Dio, faccia a faccia, capiremo tutto, capiremo anche tanti misteri che avvolgono la nostra vita. Dio è molto più grande dei nostri pensieri e quindi non possiamo dire a Dio: perché, perché, perché, criticandoLo o giudicandoLo; casomai prendiamo atto che noi siamo piccoli con la nostra mente e, se saremo umili, riusciremo a comprendere i misteri di Dio.
“Sappiate che Dio sa tutto, Dio vede, Dio ama”. “Quando sapete questo, entrate nella pace. Vi basti sapere che il mio amatissimo Figlio illumina le vite e dissipa le tenebre”, Lui è la luce della vita, “il mio materno amore, che mi porta a voi, è indicibile”, inesprimibile, non ci sono parole adeguate, è “misterioso”, fate fatica a capirlo, “ma reale”.
“Io esprimo i miei sentimenti verso di voi: amore, comprensione e materno affetto”. Però anche voi, miei apostoli, dovete corrispondere a questo amore: “a voi, apostoli miei, chiedo le vostre rose di preghiera, che devono essere le opere di misericordia: sono quelle le preghiere più care al mio Cuore materno. Le offro a mio Figlio, nato per voi”. Le opere di misericordia che vengono dalla preghiera sono quelle a Lei più care.
“Egli vi guarda e vi ascolta”. Poi parla al plurale: “Noi vi siamo sempre vicini”. 
E qui ci sono i cinque verbi che vi chiedo di imparare a memoria: “Questo è un amore, mio e di mio Figlio”, che “chiama”, chiama alla conversione, “unisce”, ci unisce a Gesù e Maria e fra noi, “converte”, cambia il cuore, “incoraggia”, ci dà la speranza nel cammino della vita e “ricolma”, riempie di gioia e di felicità.
“Perciò, apostoli miei, amatevi sempre gli uni gli altri, ma soprattutto amate mio Figlio”, e quindi accogliete questo amore, amando mio Figlio e amandovi tra voi.
“Quella è l’unica via verso la salvezza, verso la vita eterna”, su questa strada dell'amore voi andate verso la vita eterna.
“Questa è la preghiera che mi è cara”, quella dell'amore, “e che ricolma il mio Cuore del profumo di rose più soave”.
“Pregate, pregate sempre per i vostri pastori, affinché abbiano la forza di essere la luce di mio Figlio”, preghiamo invece di criticare e giudicare i pastori, perché da essi, dalle loro mani, ha detto la Madonna in altri messaggi, arriva la salvezza e la grazia che viene dal Cuore di Mio Figlio. “Vi ringrazio”.
Un messaggio, un poema. Un essere umano non è in grado di scrivere una cosa del genere. 
Queste parole non si trovano altrove, certo bisogna leggerle, ovviamente, con il cuore!


VENERDI' 13 GENNAIO 2017 Riparte la Catechesi Giovanile:

ore 20.25 S. Rosario animato dai giovani nella Basilica di San Giorgio fuori le mura - Piazza San Giorgio 29 - FERRARA
 *siete tutti invitati a partecipare*   

Alle ore 21.25 P. LIVIO con la CATECHESI GIOVANILE in diretta dalla REGIA di ERBA!!!

Risultati immagini per giovani che pregano


 

Sta per uscire il nuovo libro di P. Livio con Diego Manetti: 
"DA FATIMA A MEDJUGORJE"  - Il piano di Maria per un futuro di pace - Ediz. Piemme

Puoi iniziare a prenotarlo presso l'ufficio informazioni:
telefonando allo 031-610600 scrivendo a info.ita@radiomaria.org  e tramite fax 031-611288 





  alla prossima newsletter!

Leggi l'articolo...

Newsletter 4 Gennaio 2017
04/01/2017 09.00
Newsletter di P. Livio - 4 gennaio 2017


Cari amici, 
auguri di Buon Anno nella vigna del Signore!  Ricominciamo nel migliore dei modi con gli ultimi due messaggi della Regina dalla pace, accompagnati da un breve commento.  Affidiamo a Maria il nostro cammino in questo centenario di Fatima, diventando di giorno in giorno gli apostoli del suo amore.

Vostro Padre Livio

Immagine correlata Immagine correlata

Messaggio del 25 Dicembre a Marija

"Cari figli! 
Con grande gioia oggi vi porto mio Figlio Gesù perché Lui vi dia la Sua pace. Figlioli, aprite i vostri cuori e siate gioiosi affinché possiate accoglierla. Il cielo è con voi e lotta per la pace nei vostri cuori, nelle famiglie e nel mondo e voi, figlioli, aiutatelo con le vostre preghiere affinché sia così. Vi benedico con mio Figlio Gesù e vi invito a non perdere la speranza e che il vostro sguardo e il vostro cuore siano sempre rivolti verso il cielo e verso l’eternità. Così sarete aperti a Dio ed ai Suoi piani. 
Grazie per aver risposto alla mia chiamata”.



Testo della telefonata di Marija

Marija: Oggi, come ad ogni Natale, la Madonna è apparsa con Gesù Bambino in braccio. Era contenta, gioiosa e alla fine ci ha dato la benedizione assieme a Gesù Bambino, facendo il segno della croce come fa il sacerdote.

P. Livio: Invece quattro anni fa, Natale 2012, c’è stato quel fatto, unico nella storia di Medjugorje, quando è stato il Bambino Gesù a dare il messaggio.

Marija: La Madonna quel giorno non ci ha dato il messaggio, ma Gesù Bambino si è messo in piedi e ha detto: “SONO LA VOSTRA PACE. VIVETE I MIEI COMANDAMENTI”.

P. Livio: C’è una frase che mi sembra di vedere per la prima volta: "Il Cielo è con voi e lotta per la pace nei vostri cuori...“ Come se nei nostri cuori ci sia una lotta tra la pace e la guerra, fra l’amore e l’egoismo...

Marija: Sì, è una lotta che, come dice la Madonna, comincia nei nostri cuori, nelle nostre famiglie e nel mondo.

P. Livio: Quindi se vogliamo che ci sia la pace nel mondo, dobbiamo cominciare questa lotta in noi stessi.

Marija: Esattamente. Per questo Lei ci invita ad essere sempre più “rivolti verso il Cielo e verso la vita eterna”. In tanti messaggi Lei ha detto: “Quando pensate al Paradiso, diventate più disponibili, più aperti alla speranza”.

P. Livio: La Madonna spesso ci invita a guardare al Cielo e all’eternità. Forse è perchè noi guardiamo troppo alla terra e finiamo per farci la guerra tra noi.

Marija: Sì, ci attacchiamo troppo alla terra e alle cose terrene. Invece la Madonna in questi anni ci sta invitando a rivolgerci di più al Cielo e alle cose celesti, alla vita eterna.

P. Livio: Vedo che in questi ultimi tempi la Madonna ci invita a "non perdere la speranza". Come se noi avessimo perso la nostra fiducia in Dio oppure che pensassimo che il male sia troppo forte e che noi non possiamo vincerlo.

Marija: Io credo che oggi il mondo sia molto negativo: non conta più su Dio e sul suo aiuto, ma confida solo in sè stesso. Invece la Madonna ci invita a collaborare con Dio. Lo dice anche in questo messaggio: “aiutateLo con le vostre preghiere”. Lui ci aiuta e ci chiede di non perdere la speranza.

P. Livio: Secondo te qual’è la ragione di questa lunga permanenza della Madonna tra noi? In alcuni messaggi recenti, anche quello dato a Mirjana il 2 dicembre scorso, la Madonna dice che Lei intende guidarci anche per il futuro. Come se su questa generazione ci fosse un attacco...

Marija: Sì, siamo nella lotta, come dice la Madonna. Dobbiamo lottare non solo contro questo mondo pagano, ma anche con noi stessi, perchè tante volte ciò che è pagano entra in noi. Invece la Madonna vuole che scegliamo Dio e i suoi Comandamenti, che viviamo questo cammino con Dio. Lei ripete che dobbiamo confidare in Dio, lasciarci guidare da Lui e anche collaborare con Lui pregando, facendo piccoli sacrifici, fioretti, anche per la salvezza dell’umanità. Come hanno fatto i veggenti di Fatima, che, pur così piccoli, si mettevano una specie di cilicio (una corda con i nodi) per soffrire. Oggi non sappiamo più cosa significa sacrificio e mettiamo l’io al posto di Dio.

P. Livio: Forse oggi non sappiamo più neanche cosa siano i Comandamenti, mentre la Madonna in un messaggio ha detto che sono indicatori di strada sulla via della santità.

Marija: Sì. Tu sei libero e puoi andare contro, ma sarà la tua condanna. Per questo la Madonna e anche Gesù Bambino ci invitano a vivere i Comandamenti. Se vuoi vivere bene, in pace con Dio, vivi i Comandamenti che Lui ha dato.

P. Livio: Oggi il Papa nella benedizione „Urbi et orbi“ ha fatto un panorama preoccupante di tante guerre che ci sono nel mondo, cominciando dalla Siria. Ho pensato che ora comprendiamo perché la Regina della Pace è qui con noi: con tutte le armi che ci sono, queste guerre potrebbero portare l’umanità ad una catastrofe.

Marija: E’ vero, ma Gesù e la Madonna sono con noi e lottano con noi per la pace e noi dobbiamo collaborare con la nostra preghiera. Loro ci danno questa speranza... Una persona che ha fede è una persona in pace in ogni situazione... Gesù è presente... Lui ha detto: “Dove sono riuniti due o tre nel mio nome, Io sono con loro”. Ci crediamo o no? La Madonna ci invita a credere. Le sue parole e il suo amore ci riempiono di gioia e ci stimolano a camminare verso l’eternità.

P. Livio: Che effetto ti fa vedere un bambino appena nato e pensare che quello è Dio?

Marija: E’ una gioia immensa. Aspettiamo Natale con una gioia speciale, perchè qui è vissuto come la festa della famiglia. E quando la Madonna arriva con Gesù Bambino, è per noi un’esperienza strepitosa, enorme. Non abbiamo parole per descrivere questo. E quando vediamo Gesù che ci dà la sua benedizione insieme con la Madonna, per noi è come se il Cielo si apra e scenda qui sulla terra. Che gioia vedere questi grandi atti di amore di Dio: la presenza della Madonna e ancor più la presenza di Gesù!

P. Livio: Se il Bambino Gesù dà la benedizione vuol dire che è un Bambino ripieno della sua autorità divina. Anche quando ha parlato nel 2012 lo ha fatto con autorità divina, benché fosse un bambino... Il fatto che tu hai visto la Madonna con Gesù Bambino, ci conferma nella fede. Noi crediamo perché il mistero del Natale è raccontato nei Vangeli, però le apparizioni mariane ci aiutano a confermare e rafforzare la nostra fede. Capisci che il Natale è qualcosa di molto vivo, reale, che ci accompagna e che diventa presente per noi nella preghiera.
Marija: E’ vero. La presenza della Madonna è così reale che è diventata parte della nostra vita.

Marija ha quindi pregato il “Magnificat” e il Gloria.
Padre Livio ha concluso con la benedizione.

Ascolta l'audio del commento al messaggio del 25 dicembre





Messaggio del 2 Gennaio a Mirjana

Cari figli, 
mio Figlio era sorgente di amore e di luce quando, sulla terra, parlava al popolo di tutti i popoli. Apostoli miei, seguite la sua luce. Farlo non è facile: dovete essere piccoli, dovete farvi più piccoli degli altri e, con l’aiuto della fede, riempirvi del suo amore. Senza fede, nessun uomo sulla terra può vivere  un’esperienza miracolosa. Io sono con voi, mi manifesto a voi con queste venute, con queste parole. Desidero testimoniarvi il mio amore e la mia cura materna. Figli miei, non perdete tempo facendo domande a cui non ricevete mai risposta: al termine del vostro percorso terreno, il Padre Celeste ve le darà. Sappiate sempre che Dio sa tutto, Dio vede, Dio ama. Il mio amatissimo Figlio illumina le vite e dissipa le tenebre; ed il mio materno amore, che mi porta a voi, è indicibile, misterioso, ma reale. Io esprimo i miei sentimenti verso di voi: amore, comprensione e materno affetto. A voi, apostoli miei, chiedo le vostre rose di preghiera, che devono essere le opere di misericordia: sono quelle le preghiere più care al mio Cuore materno. Le offro a mio Figlio, nato per voi. Egli vi guarda e vi ascolta. Noi vi siamo sempre vicini. Questo è un amore che chiama, unisce, converte, incoraggia e ricolma. Perciò, apostoli miei, amatevi sempre gli uni gli altri, ma soprattutto amate mio Figlio. Quella è l’unica via verso la salvezza, verso la vita eterna. Quella è la preghiera che mi è più cara, e che ricolma il mio Cuore del profumo di rose più soave. Pregate, pregate sempre per i vostri pastori, affinché abbiano la forza di essere la luce di mio Figlio. 
Vi ringrazio.
Ascolta l'audio del commento al messaggio del 2 gennaio

  



Risultati immagini per madonna di fatima   Risultati immagini per madonna fatima   Risultati immagini per madonna fatima
Il 2017 è il centenario di Fatima

Visitando nel 2010 il santuario di Fatima, Benedetto XVI aveva affermato che "sbaglieremmo se pensassimo che la missione profetica di Fatima sia conclusa" e dava l'appuntamento per il centenario nel 2017. A sua volta Papa Francesco ha consacrato il suo Pontificato a nostra Signora di Fatima e ha confermato si recherà a Fatima per il 100° anniversario delle apparizioni mariane. 
Approfitterà di quell’occasione per canonizzare i due veggenti più giovani, Jacinta e Francisco Marto. La profezia di Fatima illumina l'ultimo secolo, uno dei più tragici della storia dell'umanità, con due guerre mondiali, genocidi su vasta scala, proliferazioni di armi di sterminio, con le quali distruggere non solo la vita ma anche l'intero pianeta, e la rapida affermazione di tecnologie che stanno trasformando il mondo e il genere umano. 
All'umanità in pericolo l'Onnipotente ha inviato la Vergine potente contro il male, per aiutare la Chiesa e l'intera umanità a vincere la battaglia contro di "Satana sciolto dalle catene" e donare al mondo un tempo di pace. Il piano di Maria, che è iniziato a Fatima e prosegue con la sua presenza a Medjugorje, è in pieno svolgimento e si realizza nella misura in cui rispondiamo alla sua chiamata, divenendo "testimoni della fede", "apostoli dell'amore" e "portatori della pace". Il centenario di Fatima deve essere per tutti l'occasione di un profondo rinnovamento spirituale, in modo tale di essere "apostoli di Maria" non solo di nome ma anche e soprattutto con la testimonianza della vita.

Vostro Padre Livio



Con VENERDI' 13 GENNAIO 2017 - ORE 21.25 - riprende la Catechesi giovanile di P. Livio in diretta dalla sede di ERBA
Il S. Rosario della serata alle ore 20.25 sarà animato dai giovani nella Basilica di San Giorgio fuori le mura - Piazza San Giorgio 29 - FERRARA
*siete tutti invitati a partecipare*  
 

 alla prossima newsletter!
Leggi l'articolo...

Antonioli Hotels

Chiesa di Medjugorie

Viaggi Organizzati

Il Tour Operator Antonioli  si occupa da anni di viaggi organizzati e tour per gruppi di amici.

Visitate il nostro sito e troverete la giusta vacanza per tutti i periodi dell'anno.

www.antoniolihotels.com

Mare d'inverno

Vuoi passare l'inverno in un luogo dal clima mite immerso nella natura? Il nostro villaggio in Sardegna è il luogo ideale dove poter trascorrere piacevoli periodi in compagnia e con la comodità di un albergo. Siamo aperti tutto l'anno. Durante i periodi invernali proponiamo numerose gite ed escursioni per scoprire i tesori artistici e naturali del Sulcis.

www.baia.to

Vacanze Studio

Organizziamo anche vacanze studio per ragazzi, per imparare l'inglese divertendosi. Abbiamo proposte in Inghilterra, negli Stati Uniti e Italia. Un servizio di qualità, un team qualificato di istruttori e di animatori che affiancano i ragazzi in ogni momento della giornata.

www.antoniolihotels.com